Zeitgeist, il cittadino e la bufala dei chip sottopelle

Zeitgeist, il cittadino e la bufala dei chip sottopelle

Lo ammetto: questa - finora - è la bufala che mi ha fatto ridere di più nella mia (per ora breve) carriera di sbufalatore, ma è anche quella che mi ha reso più triste, perché a sostenere certe cose è un deputato della Repubblica Italiana. Stiamo parlando ovviamente del delirio andato in onda su Ballarò dell’onorevole Paolo Bernini.

http://video.corriere.it/deputato-5-stelle-microchip-corpo-umano/commenti-full/eb47055c-85d9-11e2-b184-b7baa60c47c5

"Questo documentario si chiama... penso che la pronuncia sia “Zaigaist”. Mi ha fatto vedere il mondo in un modo completamente diversoI i media non... non fanno solo informazione, ma fanno... ma dirigono anche le... le scelte. È diviso in tre capitoli: religione, 11 settembre, che sarebbe inside job, la massoneria, alla fine il... cioè, il controllo globale. Non so se lo sapete, ma in America hanno già iniziato a mettere i microchip all'interno del corpo umano per registrare, per mettere i soldi, quindi è un controllo di tutta la popolazione. Quelle persone che se lo fanno iniettare non sanno a cosa vanno incontro. Con Internet, visto che molte coscienze si stanno svegliando, queste verità stanno venendo fuori. Infatti con il Movimento 5 Stelle siamo... usiamo molto Internet, siamo molto coscienti di questa cosa e... andremo là a portare la voce dei cittadini."

Ora partiamo dall’inizio, ossia Zeitgeist. Zeitgeist è un film web, come detto dall’onorevole (scusate, cittadino) che rivede in chiave complottistica tutta la storia, da Gesù Cristo fino alle Torri gemelle. Ossia per un complottista come si deve è la Bibbia. Per uno scienziato un posto dove ridere della stupidità altrui. Alla fine di questo video c’è l’immancabile citazione riguardante il Nuovo Ordine Mondiale che arriverà (quando? Si è perso per strada? Aspettano la Terza Guerra Mondiale di Casaleggio?).

Deliri di Adam Kadmon a riguardo:

[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=PCS8BSgUbXk]

Ma parliamo ora del Chip. Zeitgeist parla di chip impiantati per fare un opera di controllo sociale sulla popolazione. I tipi di chip esistenti, però, che dovrebbero essere impiantati ai cittadini americani sono i chip RFID, tradotto in italiano (lingua che il cittadino Bernini sembra non conoscere, visti i suoi tweet pieni di errori grammaticali, ma questo è una altra cosa…) è un chip che serve per il tracciamento degli animali, per l’identificazione dei cani, e per le carte di credito.

Ora qualcuno mi spieghi: come si può fare un controllo “sociale” usando dei chip che servono per questi scopi? Forse si riferisce alle teorie del complotto più raffinate secondo le quali ci impianteranno chip per controllare la nostra mente e per farci fare delle cose che non vorremmo fare? Ah… Obama non ha mai fatto una legge del genere. Informarsi prima sarebbe meglio di sparare cavolate.

Che persone credano ai deliri di Zeitgeist, o ai deliri sulle scie chimiche di qualche losco figuro è qualcosa che purtroppo succede. Che queste persone siedano in Parlamento è qualcosa che mi rende profondamente triste. E già casi di gente che delira in questo MoVimento ne è saltata fuori tanta, troppa: il capogruppo della Camera che dice che il fascismo aveva un “alto senso dello stato”, Casaleggio e i video deliranti su Gaia, Grillo con l’AIDS, le biowashball e l’epiteto “vecchia puttana” rivolto a Rita Levi Montalcini. Povera Scienza.

Alessandro Sabatino
@twitTagli

Commenti

Alessandro Sabatino dice:

Sì. Mi sento una persona libera di scegliere con la mia testa senza alcun condizionamento esterno. Se parte del mondo è fatto da pecoroni che seguono il branco non è assolutamente affar mio. Se la gente si suicida per attori/cantanti/alieni/fine del mondo sinceramente è qualcosa che non mi riguarda, posso solo proporre queste persone alla candidatura (postuma) per un Darwin Awards. Non mischiamo controllo sociale con stupidità umana.

Alessandro Sabatino dice:

Scusa se non ti ho risposto da un mese, ma non mi ero accorto della tua risposta, spero mi perdonerai.

1) Su Pol Pot: non lo chiamerei controllo sociale, ma schiavismo o terrore: deportò 5 milioni di persone dalle città alle campagne, ma nessuno dice che nella parte vicina al Viet Nam ci furono delle rivolte da parte degli stessi carcerieri. Ma ribadisco: non siamo in un regime dittatoriale.

2) Ne sappiamo ancora troppo poco sul cervello, tanto che è uno tra gli argomenti più studiati, proprio per la sua complessità. Il cosiddetto progetto MkUltra della CIA, nel quale si cercò di ottenere dei condizionamenti mentali, per rendere dei cittadini una sorta di automi fallì miseramente.

3) La miniaturizzazione dei GPS è qualcosa di già in atto nei cellulari, ma ribadisco: i GPS non sono oggetti passivi, hanno bisogno di una fonte di energia. Se spegni il tuo cellulare, il GPS non funziona più.

4) Non credo. Anche perché esiste già il poligrafo, che dovrebbe avere una validità dichiarata del 90%.

5) Sì. Ma non lo ritengo una fonte di preoccupazione, né di possibilità di controllo sociale.

6) No. Almeno è questo che credo. In America, come del resto anche in UK la libertà del singolo è molto accentuata nell'opinione pubblica e ti garantisco che sarebbe molto difficile imporre una scelta del genere. Soprattutto in America, dove in molti stati la libertà personale (come la libertà di possedere armi da fuoco) è sicuramente superiore al concetto di comunità o di sicurezza comunitaria. Si potrebbe dire che creando degli atti di terrorismo potrebbe esserci una stretta in questo senso. Ma un mio collega direbbe di vedere quello che è successo in Norvegia dopo Breivik o in Svezia dopo l'omicidio di Olof Palme. Non solo non sono stati presi provvedimenti liberticidi, ma, anzi, sono state aumentate le libertà personali.

Alessandro Sabatino dice:

Ancora sul Mossad: nel 1986 Mordechai Vanonu ha rivelato al mondo che Israele possedeva almeno 200 testate nucleari e che la centrale nucleare di Dimona era in realta' anche un laboratorio atomico. Tutto questo era finito in un intervista dello stesso tecnico, che lavorava appunto a Dimona, sul Sunday Times: il miglior servizio segreto del mondo che si fa fregare da un tecnico di una centrale nucleare?

Alessandro Sabatino dice:

Parliamo delle stesse organizzazioni? KGB e CIA non sono ne' perfette, ne' infallibili. Nel 1991 il KGB ha fallito il colpo di stato a Gorbacev, nel 1970 e' stata scoperta dalla sua "cugina" americana a comprare banche in California, quel KGB che non e' riuscita a fermare un uomo (uno!) nel 1975, ossia Sacharov?
Parli della CIA che non e' riuscita a prevedere l'attentato alle due Torri Gemelle? Che ha fallito in Guatemala, Cuba (Sbarco della Baia dei Porci), Nicaragua e che sono stati sgamati clamorosamente nel rapimento di Abu Omar e di Khaled el-Masri?
Parli del miglior servizio segreto al mondo, ossia il Mossad, che e' riuscita a sbagliare bersaglio durante l'operazione Collera di Dio? Che e' riuscita si' a trovare e rapire Eichmann ma gli altri criminali nazisti non li ha mai trovati (Mengele!).
Sui computer: certo che si puo' sostenere una roba del genere: hai idea di quanto potente debba essere un computer per fare un lavoro del genere? Hai idea della quantita' di memoria e di potenza di calcolo necessaria?
Ti faccio un esempio: una simulazione fluidodinamica, con precisione di circa 1000 metri (inutile per qualsiasi agente segreto, almeno 3 ordini di grandezza sotto), con 30,000 punti (quasi 4 ordini di grandezza rispetto ad una popolazione come quella americana) nei quale viene calcolata la velocita' delle particelle ci mette 0.06 secondi per ogni interazione e gira su 16 processori con un timestep di 1 secondo (ok, magari vuoi la posizione ogni minuto... 2 ordini di grandezza in meno). Sono 5 ordini di grandezza (10,000) gia' solo cosi': e conta che la simulazione numerica copre neanche l'area della Lombardia. E' per questo che ti dico non esiste. Un anno di simulazione di questo sono, compressi (!) 45 GB.
Neuroscienze: avremo anche fatto passi da gigante, ma mi sembra che il tanto paventato piano MKUltra, il piano "segreto" (sgamato in pieno...) della CIA negli anni '60 per il controllo mentale sia palesemente fallito e successivamente scoperto (grazie al Freedom Act del 1977... Democrazia?), o sbaglio?
Chiamare "democrazia" quella cosa (e non me ne voglia Alessandro Porro, con il quale mi scuso fin da adesso :P ) che venne fuori dalla Rivoluzione Francese mi sembra fuorviante ed e' un qualcosa lontanissimo da un concetto democratico moderno e anche li', quando degenero' in una becera dittatura ci furono forti resistenze, come in Vandea.
Quando un leader politico mi dice che tutto deve essere tracciato e' perche' esistono delle persone che non pagano le tasse...

emanuele dice:

Questo è il blog giusto per tutti coloro che vogliono capire qualcosa su questo argomento. Trovo quasi difficile discutere con te (cosa che io in realtà vorrei... haha). Avete sicuramente dato nuova vita a un tema di cui si è parlato per anni. Grandi cose, semplicemente fantastico!

Andrea dice:

Per quanto riguarda l'attentato del 20 luglio del '44, se le SS avessero potuto disporre degli strumenti della CIA o del KGB, sarebbero stati in grado, i congiurati, di portare a termine il loro piano, o sarebbero stati scoperti in due nanosecondi?
Io credo altresì che sia necessario non mescolare fatti o circostanze storiche di natura diversa, mi spiego: mettere nello stesso calderone la Rosa Bianca con le sollevazioni antibolsceviche avvenute agli inizi del regime sovietico o addirittura menzionare una vera e propria guerra quale fu quella tra "bianchi" e "rossi", contribuisce poco, a mio modo di vedere, alla comprensione del fenomeno relativo al rapporto tra un sistema di potere consolidato e i soggetti (sudditi, cittadini...) nei confronti dei quali questo potere si esplica.
Il controllo sociale, in quanto tale, è difficile, quasi impossibile, che possa spingersi fino ad essere totale (100% delle menti), tuttavia, se il controllo e il condizionamento sono tali da riguardare l'80-90-95 % degli individui, quanta importanza ha, in termini di reali potenzialità eversive, la parte restante?
Nell'URSS e in Germania erano sì presenti dinamiche di costruzione del consenso, ma queste, unitamente a politiche di brutale repressione, portarono ad un controllo sociale che se non era totale, era comunque intensissimo, e questo con strumenti tecnologici da età della pietra rispetto ai nostri.
E veniamo all'oggi: io non sarei così sicuro che nel prossimo futuro non sarà possibile controllare, in maniera quasi fisica, decine e decine di milioni di persone. Il problema è la quantità di memoria dei computer? Ma andiamo! Non puoi sostenere una cosa del genere.Il problema è il numero di controllori?Viste le dimensioni delle burocrazie odierne, non mi sembra (preciso che per burocrazia intendo l'apparato tecno-politico-burocratico, il termine Stato, seppure ampiamente usato, è a mio modo di vedere completamente desueto, Stato non significa nulla); oppure è una questione di fattibilità tecnica?Ne sei sicuro?Le neuroscienze ci suggeriscono che potrebbe essere il contrario. Siamo garantiti dal fatto che viviamo in democrazia?E allora?Socrate venne mandato a morte dopo la restaurazione democratica, i rivoluzionari francesi affogarono letteralmente nel sangue, le maggioranze democratiche non sono, in quanto tali, garanzia di rispetto della libertà altrui. Quando in campagna elettorale un candidato premier sostiene che "tutto deve essere tracciato" (in nome, come sempre, di principi edificanti), pensi, infine, che manchi la volontà del controllo-condizionamento sociale?

Saluti

Alessandro Sabatino dice:

Una cella di telefonia mobile è un conto (funziona con le radiofrequenze, ma hanno trasmettitori molto più potenti e un ricevitore che funziona a batteria comunque...): io parlo della tecnologia GPS che hanno smartphone e Iphone.
Gli apparecchi di radiofrequenza hanno un raggio di qualche centinaio di metri, quindi ne servirebbero migliaia (se non milioni) solo in una città e costano 155 $ a botta... Non si sta parlando di acquisto di F-35, si sta parlando di diversi ordini di grandezza superiori. Poi c'è la manutenzione, l'installazione e ci sarebbe pure la tecnologia per seguire una persona, ossia servono delle persone (o un supercomputer?) e dei computer in grado di tracciare tutta la gente che si vuole. Mi sembra un pochino impossibile.

Alessandro Sabatino dice:

A) Le Torri gemelle NON erano minate, non sosteniamo cazzate. Ma per favore, quegli aerei li hanno visti tutti. Ci sono tantissime prove scientifiche che testimoniano che il crollo delle Torri fosse dovuto all'impatto con gli aerei.
B) La fusione a freddo è ancora in fase di sviluppo e soprattutto non sanno ancora cos'è: non è una reazione nucleare di fusione nucleare ma probabilmente reazioni a bassa energia (infatti l'energia che viene sprigionata non è così grande) e non si sono ancora trovate possibilità di sfruttarla, soprattutto a causa del degasaggio dell'He. L'esperimento di Arata è stato contestato da più parti, proprio perché ci sono ancora molte ombre.
C) l'olio di canapa è un biocombustibile, non viene sfruttato perché non vi è la convenienza economica. Ma come biocombustibile non è esente da inquinamento (le macchine che vanno ad olio di colza non sono macchine a emissione zero) proprio perché funziona con miscela diesel, quindi va mischiato con degli idrocarburi.

jacksayan dice:

Chiasro che non sono sottocutanei, se sbloccaste il mio commento che "tenete nascosto" si vede bene.
Se poi voleste localizzare un chip su scala globale basterebbe disseminare i luoghi pubblici con apparati di radiofrequenza.
Se poi questo non sia "controllo delle menti" basterebbe che la gente iniziasse a sparire a mo' di Abu Omar e poi lo vedi se non ci controlli le menti.

Andrea dice:

Ok, prendo atto del fatto che tu consideri CIA, KGB e Mossad delle congreghe di schiappe.
Detto questo, è evidente come non esistano organizzazioni perfette, la razionalità è sempre limitata (Herbert Simon), solo Dio è onnisciente. Dalle tue affermazioni si potrebbe dedurre che se un'organizzazione o un sistema non sono onniscienti ed onnipotenti in senso assoluto, cosa che ontologicamente non possono essere, ne consegue per ciò stesso che siano altresì inefficienti od inefficaci nel perseguimento dei propri obiettivi. Ti sembra un ragionamento corretto? A me sembra errato, infondato, direi superficiale.
Stesso discorso per quanto riguarda il controllo sociale: se non è totale (anche qui in senso assoluto), allora non è, affermi.Credi che il controllo-condizionamento sociale debba essere solo totale per rendere la vita un inferno? Se sostieni questo, sei fuori dalla realtà dei fatti.
Capacità di memoria e potenza di calcolo elettronico: hai presente Serpico (il computer antievasori)? Ora ci sembra un mostro di capacità, fra 5 anni (così tanti?) ci farà tenerezza.
Neuroscienze: con impianti cerebrali è possibile manipolare il mondo esterno, pare ora anche con strumenti non invasivi.
Ora: se siamo nella situazione in cui un sistema, il cervello, può interagire, manipolandoli, con oggetti esterni, e questo tramite apparati artificiali, non possiamo dedurne che possa essere possibile il processo inverso, ossia una manipolazione del sistema cervello (fisiologia, emozioni, pensiero) ad opera di sistemi esterni? E se sì, sono illegittimi i dubbi di chi paventa la possibilità dell'alterazione della mente per mano di individui od organizzazioni?
Tasse: visto che qualcuno non paga le tasse, sequestriamo la vita di tutti (conoscere è potere); è come dire che, visto che vi sono dei crimini, mettiamo in galera l'intera collettività; ovviamente è un paradosso, ma dà l'idea della rozzezza inaudita di certe asserzioni.
Mai sentito parlare di legittimità del potere?Di limiti oltre i quali un potere diventa dispotismo?Di libero arbitrio dell'individuo?
Concetto democratico moderno?Ogni tempo ha avuto delle concezioni che considerava moderne, per il semplice fatto che erano successive a quelle passate, salvo poi contare a posteriori morti e oppressioni. Attualmente in Europa, negli USA il discorso può essere diverso, non esiste totale libertà di pensiero, in Italia, ad esempio, è in vigore la Legge Mancino (in America penso che sarebbe inconcepibile): si dirà che serve a tutelare determinati valori, tuttavia la cosa decisiva è che la libertà di pensiero non è più il valore assoluto e che oggi viene limitata per una ragione, domani chissà..... una volta infranto un tabù......

Alessandro Sabatino dice:

Ed è questo che intendono su Zeitgeist, non certo il fatto di poter usare dei chip come carte di credito o come tessere sanitarie o come passaporti. Comunque è una bufala già solo il fatto che Obama abbia proposto una roba del genere e che in America ci sia della gente con i chip sottocutanei.

Alessandro Sabatino dice:

Impiantare un chip sottocutaneo è controllo sociale? Sei controllato socialmente se hai una carta di credito? Sei controllato socialmente se hai un passaporto elettronico o una carta d'identità elettronica? L'idea (che peraltro è in forma di studio) è abolire il contante usando dei chip sottopelle per usarli sotto forma di denaro (non era Grillo che voleva eliminare il contante?). Non mi pare una forma di controllo sociale. Controllo sociale vuol dire controllare il comportamento delle persone e influenzarlo e questa, caro Jacksayan, è pura fantascienza. (PS tracciamento animali non vuol dire che i chip controllano dove sono questi animali, ma da dove provengono, ed è una prassi in vari campi alimentari...)

Ilenia C. dice:

@Alessandro Sabatino
quindi secondo te il mondo è un posto dove tutti sono liberi di scegliere con la propria testa?
secondo me "controllo sociale" è anche la pubblicità, in televisione e non, la musica, il cinema (ad es, che ci si può "innamorare" tanto di un cantante/attore da suicidarsi alla sua morte)ecc... e controllo sociale è anche il poter sapere dove sei, anche minimamente, cosa fai o quanti soldi usi....non siamo liberi, almeno non totalmente come vogliamo illuderci di essere

è vero Mistero

Andrea dice:

Gli esempi del comunismo e del nazismo servono per confutare la tesi dell'equivalenza controllo mentale-controllo sociale: in entrambi i contesti storici, infatti, pur in assenza del primo (ripeto: controllo mentale di tipo fisico-meccanico), il secondo si era spinto fino ai livelli che tutti conosciamo. Ora, pensate se i due sistemi in parola avessero potuto disporre di GPS, moneta elettronica con conseguente eliminazione del contante (ricordo che nei ghetti si sopravviveva anche grazie al mercato nero), scatole nere da installare nelle macchine (per quanto poche fossero), chip di identificazione, tecniche di neuroimaging, ecc., ecc., ecc,...sarebbe stata immaginabile e praticabile una benché minima possibilità di dissenso?
Altra questione: attualmente noi occidentali viviamo in un contesto di progressiva e sempre più invasiva burocratizzazione, processo che nasce con la fine del Medioevo e con l'affermarsi dello Stato moderno; caratteristica direi strutturale, decisiva, di tale processo è proprio quella del disciplinamento sociale (avallato peraltro dagli illuministi). Ebbene: tale dinamica è tuttora in atto e, anzi, con gli attuali e futuri strumenti tecnologici, potrà conseguire vertici di pervasività inimmaginabili.

jacksayan dice:

A) non ti rispondo nemmeno.
B) E infatti la sicurezza no mi pare proprio il cpitolo dove si sia più restii a spendere.
C) Deciditi, sopra hai detto che hanno un raggio di qualche centinaio di metri. Assai più accurato di una cella per la telefonia mobile.

Alessandro Sabatino dice:

Sono obbligatori per delle specifiche aree (come le scuole) e continua a non essere un controllo sociale, vogliono solo sapere che non tagli le lezioni...

Marameo dice:

Se sembro scortese mi scuso, non era mia intenzione.

Mi innervosiscono solo le tesi sostenute col bollino "visto in tv", in stile mediashopping.

redatagli dice:

Qui stai dicendo che facciamo propaganda. Sono accuse inaccettabili. Abbiamo gente seria e competente: quando facciamo errori correggiamo immediatamente, ma non ci è sufficiente un "dicunt" o un video su youtube per farci abbracciare una teoria del complotto. Torri Gemelle inclue. Se hai una SERIA relazione di ingegneria civile che DIMOSTRA questo tuo genere di tesi, proponicela. Noi la facciamo correggere e se ha un senso ci fai fare uno scoop mondiale. Ma visto che non è così, ribadisco il modera i termini.

redatagli dice:

Non sei grillino, ma sei molto scortese. Noi non facciamo il gioco di nessuno. Non ho idea di chi tu sia, quale sia la tua formazione e cosa tu voglia dimostrare con la tua arrogante sicumera: qui stai parlando con un ricercatore universitario laureato in fisica col massimo dei voti e con una redazione di giornalisti. Tutti quanti sappiamo fare il nostro mestiere. Modera il linguaggio e la presunzione.
Dei complottisti ("non ne parlate per colpa delle lobby") io mi sto sinceramente scocciando.

U.M.

Marameo dice:

Mi basta il commento sulle torri gemelle x capire chi ho davanti.

Approfondite le ricerche se la vostra è informazione e non propaganda.
Altrimenti la propaganda va sempre segnalata e non spacciata x informazione, perchè così si confonde la gente.

Spero che siate in malafede, perchè se ci credete seriamente la cosa è triste.
Alla prossima!

Alessandro Sabatino dice:

Sono chip che hanno in memoria dei dati utili per la salute, non sono obbligatori e servono nei casi di emergenza, poiché contengono gruppo sanguigno e altri parametri vitali come allergie. NON servono a controllare la mente.

Alessandro Sabatino dice:

Sono chip che hanno in memoria dei dati utili per la salute, non sono obbligatori e servono nei casi di emergenza, poiché contengono gruppo sanguigno e altri parametri vitali come allergie. NON servono a controllare la mente.

Alessandro Sabatino dice:

A) Sarebbero evidentemente visibili al mondo
B) Gli apparati di radiofrequenza costano (e anche parecchio...)
C) Gli apparecchi di radiofrequenza, anche usando una qualche triangolazione continuano ad essere meno efficienti del GPS che abbiamo dentro i cellulari...

Alessandro Sabatino dice:

Ti ricordo anche che nel comunismo sovietico, tra il 1918 e il 1922, ci furono moltissime sollevazioni popolari di operai e lavoratori (molti di loro fucilati o imprigionati); poi ci fu anche una guerra civile tra le armate "bianche" e i rossi.

Alessandro Sabatino dice:

Non penso si possa comunque parlare di "controllo sociale" completo né nel nazismo, né nel comunismo: si può parlare di costruzione del consenso, attraverso delle riforme di stampo populista, come anche nel fascismo. Ma ti ricordo che Adolf Hitler ha subito 33 attentati nella sua vita da Fuhrer, uno dei quali ordito dai suoi generali. Ti ricordo la Rosa Bianca. Neanche il comunismo aveva il "controllo sociale" totale. se così lo vuoi intendere: ti ricordo Miklos Horthy, Jan Palach, Soldarnosc, Aleksandr Isaevič Solženicyn, Boris Pasternak, ti ricordo i ragazzi di piazza Tien an men, i monaci buddhisti che protestano contro l'illegale occupazione della loro nazione da parte del regime comunista sovietico. Il nazismo è riuscito a sterminare milioni di ebrei, è anche vero che in Unione Sovietica ci sono stati 20 milioni di morti (e forse di più in Cina, circa 65). Ma nonostante questo, la resistenza c'è stata ed è innegabile questo.
Nonostante non così visibile, la resistenza ai regimi autoritari è sempre esistita e non è solo stata da parte di intellettuali, ma da comuni cittadini (Lech Walesa). Nessun regime può dire di essere riuscito a controllare le persone e ti ricordo che sono crollati tutti (la Cina crollerà, si sta lentamente sgretolando, la Russia anche quando il nuovo Tsar lascerà il trono).
Certo, se si potesse fare un controllo del genere sarebbe qualcosa di molto importante per loro, ma c'è un ma: ossia controllare 2-3 persone è possibile, controllare 56 milioni di persone è completamente impossibile, sia per il fatto che servirebbero miliardi e miliardi di Terabyte o di ordini di grandezza superiori per seguire tutte queste persone, sia per il fatto che servirebbero milioni di persone solo per rielaborare questi dati (il computer non ha una coscienza propria, né discernimento). Sulla burocrazia, è qualcosa che nolenti o volenti deve esistere per forza, senza burocrazia sarebbe il caos, l'anarchia. E' qualcosa che dobbiamo alla fine accettare, ma è sicuro che in molti casi andrebbe decisamente snellita (ed è quello che sta avvenendo in questi anni in Italia).

Alessandro Sabatino dice:

Poi io ammetto che ci sono alcune tesi diverse dalla visione ufficiale che possono essere reali, soprattutto nella Storia d'Italia, perché sono state clamorosamente insabbiate e sulle quali la magistratura sta facendo luce, mi riferisco ad Ustica, come alla trattativa Stato-Mafia, come alla Strage di Bologna, come al Referendum Repubblica-Monarchia. Ma da qui a dire che il nostro Stato faccia controllo sociale, è un altro paio di maniche.

Alessandro Sabatino dice:

Questo sì, d'accordo con te. Ma porre degli interrogativi poi non vuol dire anche poi prendere per buono tutto quello che dice Zeitgeist. Obiettivamente ci sono cose che non stanno né in cielo né in terra in quel documentario e alcuni fatti sono completamente fuori dalla Storia. Se il condizionamento del pensiero può essere accettabile a livello di dittatura (ma anche no, visto che sia in Russia, sia in Italia che in Germania ci furono diverse resistenze ai regimi autoritari, visto che il dissenso è sempre esistito in entrambi e tre i regimi, represso ma mai del tutto eliminato), a livello di democrazia la vedo molto difficile...

jacksayan dice:

Personalmente credo che l'unico vero vantaggio di Zeitgeist sia quello di porre degli interrogativi su questioni sulle quali nessuno si è mai interrogato. I questo modo si favorisce, magari, uno studio serio, specie sul funzionamento delle banche, che ognuno di noi dovrebbe possedere nel proprio background.

Alessandro Sabatino dice:

Comunque la si intenda, non siamo né nel caso della Russia di Stalin, né nel caso della Germania Nazista di Hitler... Mi sembra anche fuorviante parlare di controllo sociale in questo contesto storico.

Andrea dice:

La tesi per cui il controllo mentale diretto, di tipo fisico intendo, sia una condizione necessaria affinché si possa configurare una situazione di controllo sociale, mi sembra errata e fuorviante. Il controllo sociale si ha quando il sistema, la società, la collettività, il potere, fate voi...riescono ad esercitare un condizionamento più o meno forte del comportamento e del pensiero dell'individuo, cosa che si può ottenere con strumenti indiretti. Affermare che se non vi è controllo mentale, non vi è controllo sociale, significa sostenere, per esempio, che nella Russia comunista o nella Germania nazista non vi fosse controllo sociale, la qual cosa, per chiunque abbia un minimo di cognizioni storiche, appare come un'aberrazione.
Nel momento in cui il sistema sa tutto di te, esso ha altresì su di te un potere assoluto; il potere è informazione, senza informazioni il potere si riduce ad un nulla.

Saluti a tutti

Alessandro Sabatino dice:

Come tu mi hai detto che ti basta il commento sulle Torri Gemelle, a me basta vedere regista "Massimo Mazzucco", l'autore anche di quel coso (non riesco a definirlo film) sul "Cura il cancro via mail", nel quale si pubblicizza il bicarbonato. Comunque grazie, sì, l'ho già visto.

Alessandro Sabatino dice:

Non sapevo che migliaia di filmati su due aerei che impattano le Torri Gemelle fossero roba di mediashopping. Non sapevo che i dubbi della comunità scientifica sulla fusione fredda fosse roba da mediashopping. Mi spiace, nella prossima vita rinascerò complottista e non fisico, ma in questa continuerò a fare la scienza di mediashopping

Alessandro Sabatino dice:

Ultima cosa, c'è anche l'anti-Jammer, ossia uno strumento che serve ad evitare l'effetto del Jammer. (ma è una cosa abbastanza risaputa la sua esistenza, da quando esiste la guerra elettronica come arma primaria degli USA nel preemptive strike in Serbia e nella Guerra del Golfo, con contromisure elettroniche in grado di "accecare" i radar nemici)

Alessandro Sabatino dice:

Non sono un zeitgastiano e non ho una conoscenza così approfondito di questo movimento per dire cosa esattamente intendano loro. Es. Adam Kadmon ha dato come interpretazione quella del controllo mentale (progetti MKUltra, Monarch o altre cose...). Sottolineo, è allarmante che gente che possa credere al Grande Complotto Mondiale entri nel Parlamento Italiano. Poi mi posso sbagliare, ma tanti di loro mi sembrano tanti piccoli Scilipoti o Di Pietro-Barbato (interrogazioni su degli argomenti inesistenti come scie chimiche - uso della lingua italiana zero, scienza questa sconosciuta) spero sinceramente che gli altri non siano come loro...

jacksayan dice:

Credo che la questione su cosa sia da intendere per "controllo sociale" sia troppo filosofica per trovar soluzione, l'unico contributo che posso dare in merito è che se esistono parole diverse come "controllo delle menti" e "controllo sociale" anche i concetti a cui fanno riferimento debbano essere diversi.

Alessandro Sabatino dice:

"Chiave elettronica che comunica direttamente con il computer" uguale chiave elettronica alimentata a batterie o con qualsiasi altro mezzo elettrico. Poi è una casa piena zeppa di sensori e lui è Bill Gates. Non ci sono 600 persone in casa sua, ma al massimo 2 o 3...

jacksayan dice:

Sulla questione del controllo sociale, veramente, sono io a no saper bene cosa intendere. A meno che no si voglia risalire alla presenza di un individuo all'interno di una manifestazione, e già ci sono leggende metropolitane su apparecchi in dotazione alla polizia spagnola che sarebbero i grado di bloccare le comunicazioni dei cellulari, alla fine tutta la cosa si ridurrà all'invio di pubblicità personalizzata nei luoghi dove uno si trova.

Alessandro Sabatino dice:

Poi spiegami dove sarebbe il controllo sociale. Sei uno studente, sanno già vita morte e miracoli... (e lo sanno benissimo anche quando vai in bagno, senza rivelatori)
Soprattutto non si parla di controllo delle menti, non c'è nessun tipo di controllo sociale.

Pagine

Aggiungi un commento

I commenti su Tagli non sono soggetti a moderazione preventiva. La Redazione declina ogni responsabilità circa il loro contenuto, e si riserva il diritto di rimuoverli a propria assoluta e totale discrezione.
Tagli ribadisce pertanto che ogni opinione, accusa o illazione inviata nei commenti è sotto la responsabilità civile e penale dell'autore. La Redazione si riserva di fornire gli estremi dell'autore di ciascun commento ritenuto lesivo all'autorità giudiziaria.
Per maggiori informazioni, consulta la sezione Termini e condizioni di utilizzo.

Plain text

  • No HTML tags allowed.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.