Vladimir Luxuria: ma ce n’era davvero bisogno?

Vladimir Luxuria: ma ce n’era davvero bisogno?

Premessa: non posso certo essere annoverato tra i fan di Putin, per tanti motivi. Sul tema dei diritti degli omosessuali, qui, mi basta dire che “nel mondo che vorrei” un individuo non si dovrebbe preoccupare dello stile di vita del prossimo, finché il prossimo non gli reca danno e non reca danno alla collettività.

Detto questo, trovo che il gesto di Vladimir Luxuria sia completamente privo di senso, per almeno due motivazioni.

In primo luogo, l’azione dell’ex-onorevole non fornisce alcun contributo significativo al miglioramento della situazione degli omosessuali discriminati in Russia. Si tratta di un gesto solitario, non inquadrato in alcuna manifestazione organizzata che non aggiunge e non toglie nulla al dibattito: in un cartello, infatti e purtroppo, non c’è abbastanza spazio per esporre qualcosa in più di uno slogan. Prova ne è che i grandi network internazionali hanno ignorato la notizia: basta cercare su Google (versione inglese) “Vladimir Luxuria arrested” o “former italian MP arrested” per prenderne atto.

In secondo luogo, il fatto che un ex membro del Parlamento commetta deliberatamente un reato politico – ricordiamo che in Russia la propaganda omosessuale è reato – avrebbe rischiato di innescare un incidente diplomatico di cui certo l’Italia non ha alcun bisogno, vista la situazione politica generale e le relazioni non idilliche con alcuni altri Paesi.

Per concludere, mi preme ricordare un principio sempre caro a chi come me ama viaggiare: uno straniero non ha alcun dovere di visitare un altro Paese, soprattutto se l’ordine costituito del luogo che lo ospita non è di suo gradimento o non garantisce diritti ritenuti sufficienti. Uno straniero ha invece sempre il dovere di rispettare la legge, anche considerando che nella vastità del mondo esistono numerosi luoghi in cui i costumi, giusti o sbagliati che siano, possono essere conflittuali con i suoi.

Jack O. Hearts
@twitTagli

Commenti

wladimir

allora è anche giusto che le donne che vanno in Afganistan indossino il burka.

@wladimir

Direi proprio di sì, fermo restando che l'obbligo del burqa è una barbaria, non è certo il medico ad obbligarti a visitare l'Afganistan

Trovo bizzarro (ipocrita) che

Trovo bizzarro (ipocrita) che per le olimpiadi in Russia si stiano facendo (giustamente) polemiche per la situazione dei diritti umani, mentre quando vi furono le olimpiadi in Cina a questioni legate ai diritti non fu dato praticamente spazio (ingiustamente).
Condivido appieno ii contenuti dell'articolo!

Perbacco, ne fu dato anche

Perbacco, ne fu dato anche allora. Quello che io trovo bizzarro, piuttosto, è di come i riflettori si spengano improvvisamente subito dopo. O come in questo frangente nessuno stia sollevando problemi sul fatto che il paese che ospita le Olimpiadi stia anche fomentando una guerra a 500 km di distanza.
Grazie per l'apprezzamento!

Aggiungi un commento

I commenti su Tagli non sono soggetti a moderazione preventiva. La Redazione declina ogni responsabilità circa il loro contenuto, e si riserva il diritto di rimuoverli a propria assoluta e totale discrezione.
Tagli ribadisce pertanto che ogni opinione, accusa o illazione inviata nei commenti è sotto la responsabilità civile e penale dell'autore. La Redazione si riserva di fornire gli estremi dell'autore di ciascun commento ritenuto lesivo all'autorità giudiziaria.
Per maggiori informazioni, consulta la sezione Termini e condizioni di utilizzo.

Plain text

  • No HTML tags allowed.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.