Uomini soli

Uomini soli

Un amico ci ha scritto una mail, riguardo ad un argomento che lo tocca. Anzi,  gli sconvolge la vita. Il tema è quello dell'affidamento dei figli in caso di divorzio. 
L'amico in questione ci ha chiesto l'anonimato, e non c'è una buona ragione per negarglielo. Che si chiami Guido, Francesco o Mattia non cambia nulla nella sostanza.

Il suo è uno stralcio, una riflessione a bruciapelo. Non contestualizzata e non argomentata - anche perché forse non serve.
U.M.
 

Uomini Soli

 
Sulla famiglia l'unico papa che conta resta con l'accento finale: il papà, padre (e padrone?) con la "benedizione" dei due grandi geni del pensiero moderno, cioè Darwin e Freud.

Come emerge ripetutamente da cronache, inchieste, siti di associazioni - sui padri continua però ad incombere un destino infausto: in caso di separazione o divorzio, infatti, invece che l'equilibrata legge n°54 del 2006, continuano ad essere attuati anacronistici provvedimenti all'italiana che risultano gravemente distruttivi.

Una legge approvata, in un paese civile e laico, andrebbe solo (letta e) applicata, al dì là di ogni tabù.

Aggiungi un commento

I commenti su Tagli non sono soggetti a moderazione preventiva. La Redazione declina ogni responsabilità circa il loro contenuto, e si riserva il diritto di rimuoverli a propria assoluta e totale discrezione.
Tagli ribadisce pertanto che ogni opinione, accusa o illazione inviata nei commenti è sotto la responsabilità civile e penale dell'autore. La Redazione si riserva di fornire gli estremi dell'autore di ciascun commento ritenuto lesivo all'autorità giudiziaria.
Per maggiori informazioni, consulta la sezione Termini e condizioni di utilizzo.

Plain text

  • No HTML tags allowed.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.