Piccole insofferenze... sui mezzi pubblici

Tram viennesi

Quale di queste cose, sui mezzi pubblici, vi dà più fastidio? O anche non di queste: basta aggiungere nei commenti.

  • Gli anziani che, salendo dalla porta anteriore del tram, si lamentano ad alta voce dello scarso numero di passaggi, per farsi sentire dal tranviere. Con l'intenzione di farlo sentire in colpa.
  • Le persone sulla banchina che cercano di salire a bordo senza lasciare scendere prima i passeggeri.
  • Che qualcuno legga di sottecchi il vostro giornale.
  • Che qualcuno spii il monitor del vostro smartphone mentre scrivete e-mail o sms.
  • Chi fa capannello sulle scale mobili, bloccando il passaggio proprio quando avete fretta.
  • Trovare una copia di un freepress abbandonata su un sedile, avvicinarvi per prenderla e scoprire che è un catalogo pubblicitario.
  • La frase "Grazie giovanotto" quando cedete il posto a un anziano.
  • I passeggeri che rumoreggiano contro l'autista quando la linea è improvvisamente deviata o interrotta (come se fosse, di nuovo, colpa sua).
  • Aspettare 40 minuti di notte sotto la pioggia, vedere finalmente comparire l'autobus al fondo della strada e poi leggere, mentre si avvicina alla fermata, "Fuori servizio" o "Deposito".
  • Nelle ore di maggiore calca, i passeggeri con ascelle puzzolenti o alito pesante.

Andrea Donna

@AndreaDonna

Commenti

Lorenzo dice:

L'ignoranza delle persone che si fermano, comunque, alla minor distanza possibile dalle porte. Risultato: tram mezzi vuoti su cui non puoi salire.

Elena dice:

Io odio con tutta me stessa i mega-passeggini sui mezzi pubblci, non li sopporto! Immancabilmente ti tranciano il polpaccio o la caviglia o il piede. Dovrebbero contruire dei mezzi pubblici solo per le mamme con passeggini al seguito!
Altra cosa: insopportabile viaggiare sui mezzi quando piove. Chi scende ti lava aprendo l'ombrello proprio sulla tua faccia, quando sali ti becchi almeno due minuti di pioggia mentre sei in quella terra di mezzo tra la banchina e l'interno, in attesa di lasciar (giustamente) scendere tutti, e quando sei sopra non sai mai dove accidenti ficcare l'ombrello che tanto, in ogni caso, ti infradicerá scarpe e pantaloni.

riccardo cardone dice:

vecchie pacifiste che si intromettono, lanciandoti invettive varie, nel racconto del softair domenicale con gli amici. VERA GIURO

Giulia dice:

Gente che, mentre stai parlando al cellulare, ti accusa di far venire il cancro al cervello a tutti i presenti.

Fabrizio Voltolini dice:

Quelli che la sera prima hano visto "Un mercoledì da leoni" e poi la mattina dopo sul tram si piazzano a gambe larghe, mollano la presa dei mancorrenti e, con le mani sui fianchi, immaginano di essere surfers e giocano ad assecondare curve e scossoni della vettura come se cavalcassero una tavola. Io al liceo mi sono fatto MA-LIS-SI-MO.

Aggiungi un commento

I commenti su Tagli non sono soggetti a moderazione preventiva. La Redazione declina ogni responsabilità circa il loro contenuto, e si riserva il diritto di rimuoverli a propria assoluta e totale discrezione.
Tagli ribadisce pertanto che ogni opinione, accusa o illazione inviata nei commenti è sotto la responsabilità civile e penale dell'autore. La Redazione si riserva di fornire gli estremi dell'autore di ciascun commento ritenuto lesivo all'autorità giudiziaria.
Per maggiori informazioni, consulta la sezione Termini e condizioni di utilizzo.

Plain text

  • No HTML tags allowed.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.