Percorsi biografico-musicali: L come... Led Zeppelin

Percorsi biografico-musicali: L come... Led Zeppelin

Dal momento che, a quanto pare, non vi sta dispiacendo fare avanti e indietro con me in questo percorso biografico e musicale, ancora una volta facciamo un salto temporale e spaziale: dagli Stati Uniti alla vecchia Inghilterra, dalla contemporaneità ai mitici anni ’70. Ancora una volta questo salto coincide col recupero di qualche grande nome della storia del rock e di qualche suo impareggiabile classico.
Ma questa volta, prima di avventurarci in un nuovo capitolo, devo fare una dedica speciale, che forse avrei dovuto fare molto tempo prima: dopo aver rimarcato il debito che ho nei confronti del mio babbo in (per ora) due note biografico – musicali, mi pare doveroso dedicargli proprio questa. Perché i grazie non bastano per tutto quello che ho avuto dalla musica che mi ha fatto scoprire.
Quindi questa è per te, babbo, da un figlio mai abbastanza riconoscente.

L come... LED ZEPPELIN

Vi consiglio: Led Zeppelin, Led Zeppelin III
Tracklist: Immigrant Song / Friends / Celebration Day / Since I've Been Loving You / Out On the Tiles / Gallows Pole / Tangerine / That's the Way / Bron-Y-Aur Stomp / Hats Off to (Roy) Harper
Etichetta: Atlantic Records
Anno: 1970 (digitally remastered, 2001)

=====================

Nella mia infanzia, come vi ho già raccontato, uno dei luoghi privilegiati per le mie esperienze musicali era il sedile posteriore della Ford Mondeo del babbo.
Dei tanti nastri che l’autoradio si mangiava lungo i vari viaggi e scampagnate, ce n’era uno in particolare che mi ha regalato diverse suggestioni: la compilation Rock Legends, primo numero della collana I Miti Del Rock Live, uscita per la Fabbri Editori nel 1993. Ero allora poco più che un ragazzino che veleggiava, inconsapevole, tra le note del grande rock che ha fatto la storia quando iniziai a sbozzare i miei primi gusti musicali.

Il babbo ovviamente ci metteva del suo per appassionare me e mia sorella ad almeno qualcuno dei tanti artisti che ci proponeva. In particolare ricordo che, salvo i Beatles (di cui ero già da tempo immemore infatuato), fu proprio nella collezione Rock Legends che trovai un altro dei miei amori musicali infantili.
A mia sorella, ad esempio, piaceva un sacco Smoke On the Water dei mitici Deep Purple, in particolar modo l’attacco – e come darle torto?

A me invece piaceva un pezzo dall’atmosfera e dall’esecuzione primordiale e selvaggia, un pezzo di cui adoravo lo stacco vocale in lenta e inesorabile progressione verso un urlo liberatorio. Accendeva inoltre la mia fantasia e la mia immaginazione quel titolo, Black Dog, di cui il babbo rimarcava sempre la traduzione. Quasi a sottolineare quanto ci fosse di animalesco e di primitivo in quell’esecuzione live.
Lì nacque il mio amore per i Led Zeppelin.

Il live immortalato nella compilation Rock Legends era tratto dal tour giapponese degli Zeppelin, nello specifico dalla data del 2 ottobre 1972 al Budokan di Tokyo. Allora i nostri quattro rockers britannici erano diventati «molto semplicemente, il più grande, eclatante, esuberante, arrogante e prepotente gruppo rock del mondo». [1]
Da poco avevano dato alle stampe quello che è stato uno dei loro album di maggior successo. Un album senza titolo e senza alcuna indicazione sulla copertina, oramai noto come Led Zeppelin IV. Una scelta audace per i tempi, ma che dà la cifra del grado di sicurezza e di personalità che i nostri avevano allora. Black Dog, singolo di lancio, è probabilmente la sublimazione migliore di uno stile, di una sigla, di un concetto, «del rock più robusto e più duro. Hard Rock appunto». [2]

Come accadde con Hendrix, fu un biglietto di sola andata. E, allo stesso modo, rientrò tra le numerose reminescenze degli anni del liceo quando, con maggiore cognizione di causa, recuperai tutta quella mole di classici del rock di cui mi ero nutrito per tanto tempo senza saperlo.
Riscoprire i Led Zeppelin in quel coacervo confuso di ascolti infantili fu un evento che mi fece riflettere su quanto il mio approdo all’heavy metal fosse stato tutt’altro che casuale e fortuito.

Lanciato in questo recupero, passai per tutti i classici del caso ma senza avere nella collezione personale uno solo dei loro titoli. Finché, durante un Natale di cui non ricordo bene la data, il babbo mi fece trovare sotto l’albero uno dei loro album: Led Zeppelin III.

Il terzo LP targato Led Zeppelin nasce in un momento particolare per la band, che dal 1969 ai primi mesi del 1970 non si era letteralmente fermata un attimo. Quindi ad aprile i nostri si concessero alcune settimane di riposo per riprendere le forze.
In particolare, Jimmy Page e Robert Plant decisero di ritirarsi in un cottage sperduto nel Galles, Bron-Yr-Aur.
 
Ora, cosa accade a due amici e compagni di gruppo che si ritirano in un’atmosfera suggestiva e quasi incontaminata come quella dei monti gallesi? Fanno funzionare l’estro, è ovvio. Così quella che doveva essere una breve vacanza si trasformò in una prima seduta di composizione di nuovo materiale. I pezzi furono fortemente influenzati del contesto in cui vennero ideati e assunsero una marcata caratteristica popolare e folkloristica britannica.

Zeppelin3
Il mese successivo il gruppo si riunì per lavorare sul nuovo materiale sempre in un contesto agreste.
Stavolta tocca all’Headley Grange nell’ Hampshire dove, utilizzando il Mobile Studio dei Rolling Stones, vengono registrati praticamente tutti i brani di Led Zeppelin III.
Il lavoro di incisione e mixaggio comincerà a Londra tra giugno e luglio, con il prezioso contributo del sound engineer Andy Johns. Mixaggio e mastering finale saranno completati negli Stati Uniti tra agosto e settembre.[3]
 
Il terzo lavoro dei Led Zeppelin non ebbe – almeno all’inizio – su di me l’impatto che mi sarei aspettato: un disco che giocava principalmente su suoni puliti, sull’acustico e sulla valorizzazione delle radici folk mi lasciò in parte spiazzato, dato che ero legato e abituato al sound e all’anima hard rock della band. Esclusa l’immortale Immigrant Song, diamante allo stato grezzo di puro e ritmato hard rock, i toni del disco sono in effetti più rarefatti e leggeri. Fu difficile, per un intransigente dell’asse metal-punk-rock quale ero, confrontarsi con questo prodotto.
 
Fui ad ogni modo rapidamente conquistato. Riconosciuta nel riff principale di Out On the Tiles l’introduzione della versione dal vivo di Black Dog che avevo imparato ad amare, [4] iniziai a veleggiare in questo nuovo mondo di “rock agreste” che gli Zeppelin avevano saputo abilmente plasmare: a partire da Gallows Pole – indovinato riarrangiamento della ballata popolare britannica The Maid Freedom from the Gallows – passando, in ordine sparso, per la spensieratezza di Friends e la cullante nenia di That’s the Way.
 
Anche se, a distanza di tempo, il pezzo di quest’album che ancora, più di tutti, è capace di darmi i famosi brividi lungo la schiena resta Tangerine: una ballad semplice e schietta che sa disegnare come poche, in un lasso di tempo così breve, un’atmosfera di malinconia di amori persi nel tempo e nella distanza.
Finii con l’innamorarmi del malato incontro tra folk e slide blues della conclusiva Hats Off to (Roy) Harper,[5] dell’originale accavallarsi tra le anime del blues, del country e del folk di Bron-Y-Aur Stomp, e dello struggente e passionale blues della splendida Since I’ve Been Loving You.
 

Led Zeppelin III è un disco che, nonostante la fredda accoglienza ricevuta, riscosse un buon successo ed è tutt’ora considerato una tappa fondamentale nella produzione della band. Qui si hanno di fatto importanti sementi che troveranno la loro fioritura nel già citato Led Zeppelin IV, capolavoro indiscusso dei nostri e pietra miliare del rock, dove gli elementi folk e acustici convergeranno – in un fantastico e inarrivabile equilibrio – con quelli blues e rock dei precedenti lavori.

Pensare a un disco del genere negli anni ’70 fu certo assai lungimirante anche se rischioso per una band che stava dando una svolta epocale al rock. Chi avrebbe mai potuto pensare a una simile e brusca virata in termini di sound proprio allora che le cose stavano girando per il verso giusto? Solo i Led Zeppelin.

LedZeppelin3backNella mia personale vicenda è stato un album che mi ha permesso di rompere molti preconcetti, aprendo la mente su un più vasto panorama musicale che deliberatamente ignoravo. Gli istinti e le corde primordiali che gli Zeppelin avevano saputo a suo tempo toccare si dimostrarono perfettamente capaci di convivere con istinti e corde di tutt’altra natura.
Una convivenza che la mia cecità da intransigente dell’asse metal-punk-rock difficilmente avrebbe colto altrimenti.

La magia dei Led Zeppelin sta soprattutto in questo: riuscire a equilibrare anime e componenti diverse, dando corpo a un hard rock personale, vivido, dinamico e multisfaccettato che solo oggi consideriamo classico. Uno stile che, coniugando i patrimoni del blues, del folk e del rock in una forma più pesante, avrebbe influenzato generazioni di musicisti.
Anche per questo sono un gruppo che ha fatto la storia del genere e che è destinato a restarvi da protagonista indiscusso.

Mio babbo forse lo sapeva, allora, che il testimone che mi stava passando era importante. In quel tempo avevo solo intuito la magia, ma pare fosse destino che dovessi anche capirla presto o tardi.
È un testimone pesante: quelli della mia generazione hanno un compito, e cioè a loro volta confezionarlo e passarlo adeguatamente alle generazioni successive.

doc. NEMO
@twitTagli


 
[1] I Miti Del Rock Live, vol. I, Fabbri Editori, Milano, 1993, III di copertina.
 
[2] Ibid.
 
[3] Per una descrizione più dettagliata e completa del lavoro dei Led Zeppelin durante la gestazione di Led Zeppelin III vi consiglio Stephen Davis, Led Zeppelin. Il Martello degli Dei, Arcana, Roma, 1995, pp. 92-98.
 
[4] Il tema di Out On the Tiles fu in effetti adottato molto spesso per introdurre Black Dog durante i concerti dei Led Zeppelin, come ad esempio nella versione che vi ho proposto a inizio articolo.
 
[5] Questo pezzo è, tra l’altro, un assemblaggio di arrangiamenti e testi blues tradizionali, nonché un tributo a al cantante folk Roy Harper, amico stretto dei Led Zeppelin e largamente influente su buona parte delle rock band inglesi del tempo.

Aggiungi un commento

I commenti su Tagli non sono soggetti a moderazione preventiva. La Redazione declina ogni responsabilità circa il loro contenuto, e si riserva il diritto di rimuoverli a propria assoluta e totale discrezione.
Tagli ribadisce pertanto che ogni opinione, accusa o illazione inviata nei commenti è sotto la responsabilità civile e penale dell'autore. La Redazione si riserva di fornire gli estremi dell'autore di ciascun commento ritenuto lesivo all'autorità giudiziaria.
Per maggiori informazioni, consulta la sezione Termini e condizioni di utilizzo.

Plain text

  • No HTML tags allowed.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.