Perché si dice... "fare cisti"?

Palazzo Nuovo a Torino

Fare cisti”. O, semplicemente, “cisti”.

L’avrete sentita, e magari utilizzata, anche voi: questa espressione è (ancora) presente nel gergo giovanile di varie parti d’Italia. Tra le altre, in Emilia Romagna e nelle aree metropolitane di Torino e di Milano.

Con significato leggermente differente: se in area emiliano-romagnola è utilizzata nel senso di “fare (qualcosa) di nascosto”, tra i giovani dei due maggiori centri urbani del nord-ovest è utilizzata per invitare a “fare attenzione”.

Nata in ambito hippy-alternativoide (parliamo ancora di Torino e Milano, tralasciando la realtà emiliana – che conosciamo meno), l’espressione “fare cisti” ha poi conquistato altri gruppi e altre culture giovanili, riscuotendo particolare successo nei contesti truzzo-discotecari.

L’etimologia dell’espressione è oscura.

È da escludere senz’altro un fantasioso legame, suggerito da qualcuno, con il personaggio boccaccesco di Cisti fornaio – protagonista della seconda novella della sesta giornata del Decameron ed eroe della schiettezza e dell’onestà, non certo della circospezione sospettosa.

Altri fanno risalire questo modo di dire all’ambito medico, con riferimento alla natura sottocutanea (e quindi nascosta) della cisti.

Probabilmente, l’origine di “fare cisti” è condivisa con quella di un’altra espressione gergale giovanilistica, ossia “incistarsi”. Questo verbo è a sua volta, nella sua accezione non gergale, di ambito medico, e – secondo il De Mauro – significa

essere avvolto da una formazione di tipo cistico (di corpo estraneo o ascesso).

Usato in senso gergale, in varie parti d’Italia significa “infatuarsi di qualcuno” o “appassionarsi a qualcosa”.

Questo termine è attestato anche in letteratura. Dino Buzzati scrive infatti in “Un amore”:

Era come un piccolo paese incistato fra lo schieramento delle case.

 

Andrea Donna

@AndreaDonna

Commenti

alessandro dice:

è GERGO ORIGINATO DALLA STRADA, VEDI ANCHE CISTI LA MADAMA CIA VISTI, DOVUTO ALLA DICHIARAZIONE DELL'ELEMENTO "PALO" NEL CORSO DI UN FURTO O OPERAZIONI ILLECITE CHE ESCLAMA: CI STANNO INGABBIANDO, CISTI LA MADAMA CI HA VISTI.

albertogallo dice:

Non so se ci abbiate già pensato, ma propongo un articolo sui modi di dire "bella ragazza" nelle varie parti d'Italia. Quando studiavo a Padova, circondato da gente di tutto il paese, avevo scoperto cose curiose. Stessa cosa per l'espressione "marinare la scuola".
Ciao!
Alberto

parola cisti' o fai cisti

Il modo di dire "cisti" e tutti i suoi derivati, ve lo posso garantire è nato in bariera da noi ragazzi negli anni metà 70/80,ovviamente a Torino.gli stessi spostandosi a ballare nelle disco della riviera romagnola,lo copiarono tutti anche i milanesi negli stessi locali andati anche loro ,per lo stesso motivo.

A mio parere il termine

A mio parere il termine "cisti" deriva da una sorta di contrazione di "ci sta..." per indicare la presenza di qualcuno che potrebbe interferire con qualche azione che si sta svolgendo.

Aggiungi un commento

I commenti su Tagli non sono soggetti a moderazione preventiva. La Redazione declina ogni responsabilità circa il loro contenuto, e si riserva il diritto di rimuoverli a propria assoluta e totale discrezione.
Tagli ribadisce pertanto che ogni opinione, accusa o illazione inviata nei commenti è sotto la responsabilità civile e penale dell'autore. La Redazione si riserva di fornire gli estremi dell'autore di ciascun commento ritenuto lesivo all'autorità giudiziaria.
Per maggiori informazioni, consulta la sezione Termini e condizioni di utilizzo.

Plain text

  • No HTML tags allowed.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.