In parole povere: La Brexit spiegata in maniera semplice

In parole povere: La Brexit spiegata in maniera semplice

In Gran Bretagna i due grandi partiti di governo, complice un sistema elettorale centripeto e assolutamente non rappresentativo della società, hanno fatto una sorta di patto dell'establishment poi non tanto diverso dalle grandi coalizioni continentali.
Un esempio? Le politiche di austerità: i conservatori le proponevano, il Labour si asteneva.

Questo ha fatto incazzare molto la gente, che però non aveva strumenti per esprimere la propria voce se non trovando sfogo attraverso alcune opzioni:

  1. in Scozia con il voto in massa all'SNP;
  2. alle Europee ma anche alle elezioni politiche convogliando un appoggio considerevole (4 milioni di voti) all'Ukip;
  3. appena possibile, poi, gli iscritti e militanti laburisti hanno votato come segretario il più anti-establishment dei candidati, Jeremy Corbyn;
  4. in occasione del referendum sulla Brexit i britannici hanno infine votato per mandare a quel paese l'establishment britannico ed europeo.

Di fronte a questo putiferio, i due partiti, o meglio, l'establishment dei due partiti, ha perso la testa e sta facendo di tutto per mantenere ben saldo il suo potere, che però è un castello dalle fondamenta ormai distrutte.
I conservatori fanno fuori l'uomo che più di tutti, nel bene o nel male, ha interpretato il loro elettorato, Boris Jonhson, cui i deputati tories hanno ritirato il proprio supporto per impedirne la candidatura, mentre i laburisti stanno cercando in ogni modo di estromettere un leader eletto da poco e con un consenso popolare indiscusso e indiscutibile.
Ecco un caso di scuola di come il sonno della politica possa generare mostri.

Domenico Cerabona

Segui Tagli su Facebook Twitter   

 

Aggiungi un commento

I commenti su Tagli non sono soggetti a moderazione preventiva. La Redazione declina ogni responsabilità circa il loro contenuto, e si riserva il diritto di rimuoverli a propria assoluta e totale discrezione.
Tagli ribadisce pertanto che ogni opinione, accusa o illazione inviata nei commenti è sotto la responsabilità civile e penale dell'autore. La Redazione si riserva di fornire gli estremi dell'autore di ciascun commento ritenuto lesivo all'autorità giudiziaria.
Per maggiori informazioni, consulta la sezione Termini e condizioni di utilizzo.

Plain text

  • No HTML tags allowed.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.