La sinistra del PD prova a rinascere

Da sinistra nel nuovo PSE

Valori e organizzazione: in queste due parole si potrebbe riassumere il significato della riunione della "minoranza" del PD riunitasi ieri al Teatro Ghione, a Roma.
Una convenzione, è stato specificato da tutti gli intervenuti e in primis da Gianni Cuperlo (colui che la riunione la ha convocata), che non è in alcun modo un contraltare all'apertura della campagna elettorale del PD svoltasi a Torino nelle stesse ore.
Lo scopo della riunione era quello di riportare a denominatore comune le anime che avevano appoggiato la candidatura di Gianni Cuperlo a dicembre, anime che hanno fatto fatica a trovare una sintesi all'indomani di una sconfitta prevedibile sì, ma che nessuno si aspettava così netta.
E questi fermenti, rappresentati da tutti i "big" presenti in sala o sul palco (Bersani, D'Alema, Fassina, Orlando, Epifani) si sono riconosciuti nella linea tracciata da Gianni Cuperlo. Una linea, dicevo, riassumibile nelle parole valori e organizzazione.

I valori sono quelli di una sinistra che non può dismettere le proprie ragioni a causa di un congresso perso ma che, anzi, deve imparare la lezione e ritrovare lo spirito che le è proprio: quello di offrire alla società una visione più giusta e migliore del mondo.
Cuperlo (ma anche Massimo D'Alema e Pierluigi Bersani, entrambi applauditissimi) ha sottolineato come il sostegno al Governo guidato da Matteo Renzi non è in discussione: anzi all'azione del Governo è assicurata la massima lealtà.
Però questa lealtà non può essere cieca: su alcuni principi, anzi valori, non si può transigere.
Non si potrà votare lo stravolgimento della Costituzione per inseguire il mito della velocità e del cambiamento purché sia. Su questo il Teatro Ghione è st
ato chiaro: la riforma elettorale e l'abolizione del Senato così come sono state scritte non funzionano. Così non si possono votare.

Ma la riunione di ieri è stata anche un'occasione per dire chiaramente che la minoranza del PD, per avere l'ambizione di tornare maggioranza, deve organizzarsi. Si devono superare le troppe divisioni vissute in questi mesi e si deve avviare un lavoro serrato a partire dai territori, uscendo dal quadrilatero dei palazzi romani.
Su questo i più convinti sono stati Massimo D'Alema e lo stesso Gianni Cuperlo. La minoranza deve sfidare la maggioranza non facendo l'opposizione, ma facendo attività nel PD, cercando di dare il proprio contributo affinché il PD non svanisca in troppi personalismi, senza un progetto comune e comunitario.
È qui che in effetti Matteo Renzi è più debole - e forse anche scarsamente interessato a rafforzarsi - e il rischio più forte è che il PD smetta di essere un partito nel senso tecnico della parola, per diventare qualcos'altro.

Chiaramente queste sono considerazioni smaccatamente di parte, e riconoscerlo è doveroso; ma credo che quella di ieri sia stata una bella giornata per il PD intero, non solo per la sinistra del mio Partito.
È stata una bella prova di vitalità, una dimostrazione che alcuni valori e parole d'ordine sono ancora in grado di scaldare il cuore di centinaia e centinaia di iscritti e militanti in tutta Italia (senza i quali lo stesso Renzi non potrebbe andare lontano).
Mi verrebbe da concludere con un sempreverde "al lavoro e alla lotta": ma forse sarebbe troppo...

Domenico Cerabona
@DomeCerabona

Commenti

io c'ero....

Seguiamo con attenzione vigile il tentativo di Renzi di parlare alla pancia del paese usando un linguaggio semplice e diretto. Vigile perchè non pensiamo si possa concepire la politica come il semplice esercizio di assecondare i sentimenti popolari (tra cui ricordo c'è anche l'autoritarismo, il razzismo, la paura, l'invidia). Sosteniamo Renzi quando dichiara di voler rimuovere posizioni di rendita e privilegi e redistribuire redditi, nel verso giusto di una maggior uguaglianza sociale, ma lo contrastiamo nell'estenzione della precarietà nel lavoro e nell'insano patto con Berlusconi per dar vita a un parlamento di nominati fedeli al capo senza contrappesi democratici. Ora dobbiamo tutti insieme vincere le elezioni del 25 maggio ma questa responsabilità non ci impedisce di chiedere l'avvio rapido del tesseramento al PD per il 2014 e di lavorare per una modifica sostanziale dello Statuto del partito introducendo la distinzione tra segretario e premier. La riunione di ieri una cosa ha detto chiaramente: siamo il PD e siamo interessati a rafforzare e innovare anche profondamente il lavoro paziente e continuo di migliaia di militanti che ancora hanno voglia di partecipare (come dice la nostra Costituzione) attivamente alla vita politica del paese attraverso l'elaborazione di proposte e idee nuove. Grazie Domenico per la tua contagiosa volontà.

Aggiungi un commento | Tagli

With havin so much written content do you ever run into any problems of
plagorism or copyright infringement? My site has a lot of exclusive
content I've either written myself or outsourced but it appears a lot of it is popping it up all over the web without my permission. Do you know any
ways to help stop content from being stolen? I'd truly appreciate it.

My homepage - How does Achilles tendonitis occur?

- http://dixielandenberger.hatenablog.com/archive/2015/09/28

io c'ero....

Seguiamo con attenzione vigile il tentativo di Renzi di parlare alla pancia del paese usando un linguaggio semplice e diretto. Vigile perchè non pensiamo si possa concepire la politica come il semplice esercizio di assecondare i sentimenti popolari (tra cui ricordo c'è anche l'autoritarismo, il razzismo, la paura, l'invidia). Sosteniamo Renzi quando dichiara di voler rimuovere posizioni di rendita e privilegi e redistribuire redditi, nel verso giusto di una maggior uguaglianza sociale, ma lo contrastiamo nell'estenzione della precarietà nel lavoro e nell'insano patto con Berlusconi per dar vita a un parlamento di nominati fedeli al capo senza contrappesi democratici. Ora dobbiamo tutti insieme vincere le elezioni del 25 maggio ma questa responsabilità non ci impedisce di chiedere l'avvio rapido del tesseramento al PD per il 2014 e di lavorare per una modifica sostanziale dello Statuto del partito introducendo la distinzione tra segretario e premier. La riunione di ieri una cosa ha detto chiaramente: siamo il PD e siamo interessati a rafforzare e innovare anche profondamente il lavoro paziente e continuo di migliaia di militanti che ancora hanno voglia di partecipare (come dice la nostra Costituzione) attivamente alla vita politica del paese attraverso l'elaborazione di proposte e idee nuove. Grazie Domenico per la tua contagiosa volontà.

Aggiungi un commento

I commenti su Tagli non sono soggetti a moderazione preventiva. La Redazione declina ogni responsabilità circa il loro contenuto, e si riserva il diritto di rimuoverli a propria assoluta e totale discrezione.
Tagli ribadisce pertanto che ogni opinione, accusa o illazione inviata nei commenti è sotto la responsabilità civile e penale dell'autore. La Redazione si riserva di fornire gli estremi dell'autore di ciascun commento ritenuto lesivo all'autorità giudiziaria.
Per maggiori informazioni, consulta la sezione Termini e condizioni di utilizzo.

Plain text

  • No HTML tags allowed.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.