La recessione della Grecia è come la Grande Depressione americana

La recessione della Grecia è come la Grande Depressione americana

La crisi attraversata dalla Grecia negli ultimi anni è paragonabile per dimensioni alla Grande Recessione degli anni Trenta negli Stati Uniti. Il grafico che mostra questo dato inquietante è stato presentato al Congresso americano dall'American Enterprise Institute, un think tank tutt'altro che pro-Syriza, dato che è schierato su posizioni conservatrici vicine a quelle dell'ex presidente George W. Bush.

C'è, però, una differenza non banale: il governo di Franklin Delano Roosevelt non si sognò minimamente di somministrare a una società devastata da disoccupazione e crolli salariali una medicina intrisa di austerità. Il presidente, al contrario, varò il New Deal, un monumentale piano di investimenti pubblici, con l'obiettivo di dare un lavoro a chi non l'aveva.

Lo Stato intervenne nell'economia senza preoccuparsi di aumentare il deficit, perché, come insegna Keynes, nei periodi di contrazione dell'economia per ottenere la crescita è necessario stimolare la domanda (ad esempio i consumi), anche a costo di sostituirsi all'iniziativa dei privati.
E badate bene: Roosevelt attuò il New Deal in un Paese che appena sente parlare di spesa pubblica grida subito al socialismo e al comunismo.

Oggi, però, questo progetto sarebbe considerato quasi sovversivo, qui nel nostro continente. Mentre negli Stati Uniti Obama aumenta i salari, garantendo il pagamento degli straordinari anche a chi non ne aveva diritto, in Europa, patria dell'economia sociale di mercato (quella che, per intenderci, ci ha garantito per decenni prosperità e servizi pubblici gratuiti o quasi), ci ostiniamo invece a pretendere ulteriori tagli e sacrifici, sperando che un giorno arrivi a salvarci la cavalleria dei privati. 

Lo dite voi ai greci che devono stringere ancora un po' la cinghia, nonostante stiano vivendo all'interno di un romanzo di Steinbeck?

Jacopo Di Miceli 

Segui Tagli su Facebook e Twitter

Commenti

grecia e speculazione

Forse un tempo non si pensava esclusivamente alla speculazione, alla sopraffazione, il nuovo feudalesimo e la Merkel sta arrivando là dove non era riuscito ad arrivare Adolf

Aggiungi un commento

I commenti su Tagli non sono soggetti a moderazione preventiva. La Redazione declina ogni responsabilità circa il loro contenuto, e si riserva il diritto di rimuoverli a propria assoluta e totale discrezione.
Tagli ribadisce pertanto che ogni opinione, accusa o illazione inviata nei commenti è sotto la responsabilità civile e penale dell'autore. La Redazione si riserva di fornire gli estremi dell'autore di ciascun commento ritenuto lesivo all'autorità giudiziaria.
Per maggiori informazioni, consulta la sezione Termini e condizioni di utilizzo.

Plain text

  • No HTML tags allowed.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.