Il giorno che la Binetti rientrò nel PD

Il giorno che la Binetti rientrò nel PD

Sono le otto di sera, parte la sigla del tg di Mentana, si dà una scrollata a Fb e Twitter prima della cena. Ad un tratto ci si imbatte nella NOTIZIA.
Twitta Cerasa: "alcuni deputati del centro, pronti ad entrare nel PD". 
Scoppia l'eccitazione tra quelli di centro trattino sinistra: evvai, ci allarghiamo! 
Si continuano a leggere tweet, nella community esplode la gioia. 

Ad un tratto Allegranti twitta: "rientra nel Pd Paola Binetti". Alcuni minuti di silenzio. 
Che commentare? Che dire? 
I renziani puri e duri sono sicuri: del centro non si butta via niente, la Binetti è una brava signora, saluta sempre, ha una chioma che ricorda Mattarella. Va tutto bene. 
Alcuni sono più titubanti, come i neorenziani, che si ricordano a tratti le idee dei nuovi arrivati. "Eh, però". 

Qualcuno prova a lanciare messaggini di diffidenza: "Si vabbè, ma non si può prendere tutto": subito vengono fulminati da quellidellaprimaora (molti dei quali non hanno votato PD nel 2013, ma è un dettaglio).

"Vi fanno schifo i voti del centro? Ehh? EHHHH?".

Il PD renziano è un PD inclusivo, un PD top, un PD per tutti. Il Partito della Nazione, e fino a quando la Binetti ha la nazionalità italiana può farne parte. 
Qualcuno prova a dire "Eh, ma dovrebbe dimettersi, come abbiamo giustamente chiesto a Cofferati".

È DIVERSO PORCA PALETTA.
MA SIETE MILITANTI DEL PD O OPPOSITORI?
GUFI, ROSICONI! 

"SI, però se entrasse nel PD solo per essere ricandidata...?".

NON SAREBBE UN PROBLEMA. Che problema c'è? La ditta, la maglia, la squadra, sono tutte parole che ci tenevano al 25%!
Ora c'è l'all inclusive, le tariffe vodafone, i pacchetti Sky (porta un amico nel PD, possibilmente un'amica). 
E poi, ragazzi...  la Binetti (come Ichino, Adinolfi, la Lanzillotta, Calearo) fu costretta ad andarsene dal PD da Bersani, che li trattò malissimo, ma malissimissimissimo, tanto che addirittura non li ricandidò nella lista bloccata. 

"E le idee?"

MA STIAMO SCHERZANDO?!
NOI SIAMO PROGRESSISTI, LIBERALI, DEMOCRATICI, SOCIALISTI, SOCIALDEMOCRATICI, VINCENTI, LABURISTI, BLARIANI, PEDROSANCHEZIANI (sempre se vince), OBAMIANI, TSIPRARIOTI (solo quando vince).
Ma soprattutto RENZIANI.
Renzi è la nostra idea fatta persona. 

Il Corriere.it twitta: "La Binetti entra nel PD di Renzi". 
Al prossimo giro entra direttamente in Renzi, tra gli applausi.

Mirko Web
@mirkoboschetti

P.s. Il racconto è inventato.
La Binetti non è (ancora) rientrata nel PD. Ma al posto della Binetti potete metterci chiunque negli ultimi tempi è rientrato nelle file democratiche, suscitando queste discussioni.
Non voglio sentenziare se tutto ciò è giusto o è tutto sbagliato; nemmeno mi interessa se il contributo di alcuni "rientranti" ci porterà al 50% o al 60% o al 70%; non voglio neanche fare di tutta un'erba un fascio (anche se è palese e sicuro che qualcuno è entrato nel PD con il fine di essere ricandidato).
Voglio solo fare riflettere. Sempre se si può, eh.

Aggiungi un commento

I commenti su Tagli non sono soggetti a moderazione preventiva. La Redazione declina ogni responsabilità circa il loro contenuto, e si riserva il diritto di rimuoverli a propria assoluta e totale discrezione.
Tagli ribadisce pertanto che ogni opinione, accusa o illazione inviata nei commenti è sotto la responsabilità civile e penale dell'autore. La Redazione si riserva di fornire gli estremi dell'autore di ciascun commento ritenuto lesivo all'autorità giudiziaria.
Per maggiori informazioni, consulta la sezione Termini e condizioni di utilizzo.

Plain text

  • No HTML tags allowed.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.