I terroristi attaccano un parco divertimenti per bambini

I terroristi attaccano un parco divertimenti per bambini

Tranquillizziamo subito i lettori preoccupati dal titolo: non si tratta di una notizia vera, ma solo di un esperimento mentale. Gli estremisti islamici (che pure in questi giorni stanno dando il peggio di loro stessi) questa volta non c'entrano nulla.

Proviamo però a immaginare un evento del genere: un gruppo di islamisti, con bambini al seguito, entra a Gardaland.
I bambini però sono solamente una copertura: appena all'interno del parco i terroristi iniziano a seminare il panico lanciando in mezzo alla folla delle devastanti armi chimiche, che a differenza delle armi da fuoco non vengono rilevate dai metal detector.
Il "gas rilasciato" è tra i più pericolosi: secondo le stime non ufficiali di diverse ONG, ogni anno "questo gas" uccide 122.000 persone nelle zone di guerra del terzo mondo, dove viene regolarmente utilizzato come arma chimica; si tratta di 334 morti al giorno, in maggioranza bambini, i cui sistemi respiratori sono più vulnerabili.

Date le condizioni di partenza, il fatto che nel parco divertimenti non ci siano vittime può essere tranquillamente considerato un miracolo: i sistemi di aerazione disperdono "il gas" prima che venga inalato.
Diverse centinaia di bambini finiscono intossicati, ma fortunatamente tutti sopravvivono.

Ora chiedetevi: come reagirebbe il mondo a questa notizia? Possiamo facilmente immaginarlo: Enrico Mentana farebbe uno speciale della durata di 36 ore sull'emergenza terrorismo in occidente. Salvini rimbalzerebbe da uno studio televisivo all'altro con una palese erezione, il Papa pregherebbe per la pronta ripresa degli intossicati chiamandoli uno per uno, il presidente della Repubblica farebbe un discorso invitando la nazione ad essere unita di fronte a questa nuova emergenza, tutti i capi di Stato e di governo esteri manderebbero messagi di solidarietà, e Beppe Grillo pubblicherebbe sul suo blog l'intervento di un esperto in fuffologia che spiegherebbe che si tratta di una messinscena organizzata dagli americani in combutta con Renzi.

Abbandoniamo adesso il mondo della fantasia, e veniamo alla realtà: da circa un paio di mesi gli Stati Uniti sono sconvolti da un'epidemia di morbillo il cui primo focolaio è stato individuato nel parco divertimenti di Disneyland, in California.
I casi di malattia sono già più di 80 dall'inizio del 2015, e stanno mettendo a dura prova le autorità sanitarie.
Sebbene da noi la notizia sia stata riportata solo marginalmente, l'argomento in America è tra i più dibattuti. La parola "measles" (inglese per "morbillo") ha superato "ebola" tra le parole più cercate su Google dagli americani.

La causa principale di questa epidemia è il calo catastrofico delle vaccinazioni contro il morbillo che si è verificato negli Stati Uniti negli ultimi dieci anni circa. Calo dovuto in gran parte alle campagne degli antivaccinisti, la cui propaganda in particolare negli USA trova terreno estremamente fertile.
Questo può essere attribuito a diverse concause:

  • La scarsissima alfabetizzazione scientifica degli americani. Soltanto poche settimane fa, un sondaggio ha rivelato che l'80% della popolazione americana vorrebbe l'etichettatura obbligatoria per i prodotti contenenti DNA, mentre in un rapporto del febbraio 2014 la National Science Foundation rivelava che quasi metà degli americani non accetta la teoria dell'evoluzione, appena il 40% sa che il Big Bang ha dato origine all'universo, e il 26% addirittura ignora che la Terra giri attorno al Sole.

 

  • Il fatto che il morbillo fosse stato completamente debellato dagli USA già dal 2000, fattore che ha indotto erroneamente molte persone a ritenere il pericolo di un contagio inesistente.

  • La presenza di una forte componente religiosa all'interno della società: si tratta di un fattore importante, in quanto - per andare incontro alle diverse confessioni religiose - molte legislazioni statali permettono varie forme di obiezione di coscienza, anche in ambito sanitario.
    In California, dove è scoppiata l'epidemia di Disneyland, i genitori possono legalmente scegliere di non far vaccinare i propri figli; di conseguenza, la percentuale di popolazione infantile non vaccinata in California è il 13% (più alta che in Ghana, per esempio, 11%).

Cosa c'entrano gli antivaccinisti con i terroristi? Tutto e niente. Il morbillo naturalmente è una malattia, non certo un gas nervino.
Tuttavia uccide circa 122.000 persone all'anno, principalmente bambini; le stime non sono fatte da anonime ONG, ma dall'Organizzazione Mondiale della Sanità.
Prima del 1980, anno in cui si è diffusa la vaccinazione contro il morbillo, i morti all'anno erano due milioni e mezzo.

Il morbillo è tra le malattie più virali conosciute: la probabilità di contrarre il virus stando nello stesso ambiente di una persona infetta è superiore al 90%. Per fare un paragone, un malato di ebola che non viene isolato contagia in media altre due persone; un malato di morbillo diciotto.
A tutti gli effetti, una persona malata di morbillo in un'area affollata rappresenterebbe una formidabile arma batteriologica, persino se le altre persone fossero tutte vaccinate: i vaccini infatti non sono efficaci al 100%, quindi qualche individuo può comunque restare contagiato.
Figuriamoci nel caso in cui fossero presenti persone non vaccinate: bambini troppo piccoli, persone allergiche al vaccino, o che non possono venire vaccinate per patologie del sistema immunitario.

Il terrorista agisce in base ad un suo credo irrazionale, ingiustificabile, e antiumano; il genitore che non vaccina il proprio figlio, anche. La totale assenza di pensiero logico è identica per entrambi: le ipotesi di correlazione tra vaccini e autismo non sono più scientifiche di qualunque fede religiosa, da Allah a Manitù passando per Shiva, Cthulhu e l'Invisibile Unicorno Rosa.

Naturalmente un terrorista con un'arma biologica è intenzionato a seminare morte e paura, mentre un antivaccinista che porta il figlio a Disneyland vuole solo divertirsi col bambino. Ma può fare altrettanto danno. 
Secondo Carlo M. Cipolla, si definisce "stupido" un individuo che danneggia gli altri senza arrecare benefici a sé stesso, o peggio ancora (come in questo caso), arrecando danno anche a sé stesso.
Chi non vaccina i propri figli si mette in condizione di fare danni potenzialmente analoghi a quelli di un terrorista, ma il fatto che lo faccia con idiozia e non con cattiveria è il motivo per cui si tende ad indulgere nei suoi confronti.

Il paragone fino a qui è volutamente provocatorio, ma le conclusioni no: gli antivaccinisti sono persone con cui trattare e ragionare è impossibile, esattamente come con i terroristi.
La loro capacità di irretire e convincere le persone, nonostante le campagne di informazione della comunità scientifica, è più forte che mai, come dimostrano alcuni drammatici sondaggi effettuati negli Stati Uniti.
Si tratta di imbecilli, ma di imbecilli pericolosissimi, verso i quali la tolleranza è altrettanto grave della passività di fronte al terrorismo peggiore. Punirli come criminali è sicuramente fuori luogo, ma non fare nulla può essere persino peggio.

Rispetto alle altre malattie epidemiche, il morbillo è stato debellato più di recente, e questo è il motivo per cui ha fatto in fretta a ripresentarsi quando è iniziato il calo delle immunizzazioni; ma se il trend antivaccinista dovesse continuare a crescere non è escluso che anche altre patologie possano tornare a bussare alla porta.
Come la poliomielite, che nel periodo di massima diffusione negli USA era causa di migliaia di morti l'anno (il picco di 3145 morti e 21.000 persone con paralisi risale all'anno 1952, non al medioevo); o la difterite, che dopo l'interruzione delle vaccinazioni di massa dovuta al crollo dell'Unione Sovietica, nei paesi dell'area ex-URSS fece registrare più di 50.000 casi, con mortalità tra il 20 e il 30%, che salivano al 50% in caso di ceppi epidemici.

Nel 2014 i casi di morbillo negli Stati Uniti sono stati più di 600, rispetto alle poche decine degli anni precedenti. Guardate attentamente il grafico qua sotto: è il grafico dell'imbecillità umana.

Il numero di casi di morbillo negli USA dal 2001 al 2014

Luca Romano
@twitTagli

Commenti

Refuso

Mi sa che dovete correggere un refuso

"Il vaccino naturalmente è una malattia, non certo un gas nervino. Tuttavia uccide circa 122.000 persone all'anno, principalmente bambini;"

chiaramente volevate scrivere morbillo al posto di vaccino ;-)

Bambini non vaccinati bambini fatti esplodere

Salve, l'articolo IMHO non è affatto una provocazione, ma dice la verità.
La differenza tra un adulto che riempie un bambino di esplosivo e un altro adulto che non vaccina suo figlio, sta nelle intenzioni: se il primo usa il bambino con il solo scopo di far del male, il secondo vorrebbe il bene, di quel bambino, anche se lo vuole nel modo sbagliato; ma, pur essendoci differenza nelle intenzioni, non ci sono differenze nei fatti. Per cui non trovo affatto sbagliato definirli terroristi entrambi. Gli adulti, non i bambini. I bambini sono vittime loro malgrado.
Anche perché, per quanto _inizialmente_ un antivaccinaro possa essere ignorante e in buona fede magari condizionato da altri, nel momento in cui risponde con arroganza e saccenza a qualsiasi contraddittorio, fattivamente ha tutta la volontà di far del male; qualsiasi persona che vuole il bene, non reagisce arrogantemente quando la si contraddice. Anzi, ascolta e trae le proprie conclusioni sommando le informazioni pregresse e quelle "nuove", si può dire. Una persona in buona fede fino in fondo, capisce di aver sbagliato.
Terrorismo islamico e terrorismo antiscientifico, nascono dallo stesso seme. Quello dell'ignoranza.

E comunque l'Unicorno Rosa

E comunque l'Unicorno Rosa non è invisibile.

Complimenti, un ottimo articolo! Piacevole alla lettura, interessante per contenuti e ragionamenti.
La mia speranza è che "laggente", leggendo articoli del genere, possa cambiare idea o quantomeno aprire gli occhi e la mente ad un punto di vista diverso... ma ci credo sempre poco. Questo tanto mi demoralizza quanto mi fa piacere, d'altro canto, sapere che ci sono persone come l'autore che il cervello lo usano per davvero e non fa solo massa corporea.

Ancora complimenti.

e comunque l'Unicorno Rosa è davvero invisibile

proprio perchè a quel modo la sua natura paradossale viene evidenziata. E' un costrutto possibile solo nel reame delle parole, ma non può esistere nella realtà una creatura contemporaneamente Rosa ed Invisibile, una delle due esclude l'altra. Come spesso accade ad altri costrutti di altre fedi religiose.

Aggiungi un commento

I commenti su Tagli non sono soggetti a moderazione preventiva. La Redazione declina ogni responsabilità circa il loro contenuto, e si riserva il diritto di rimuoverli a propria assoluta e totale discrezione.
Tagli ribadisce pertanto che ogni opinione, accusa o illazione inviata nei commenti è sotto la responsabilità civile e penale dell'autore. La Redazione si riserva di fornire gli estremi dell'autore di ciascun commento ritenuto lesivo all'autorità giudiziaria.
Per maggiori informazioni, consulta la sezione Termini e condizioni di utilizzo.

Plain text

  • No HTML tags allowed.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.