Ci sono Batman e Oriana Fallaci seduti a un tavolino...

Ci sono Batman e Oriana Fallaci seduti a un tavolino...

Ci sono Batman e Oriana Fallaci seduti a un tavolino, e da un incipit del genere ora vi attenderete la punchline della barzelletta del secolo. Niente di tutto questo, ma scommetto che volete sapere se alla fine della conversazione Batman picchierà Oriana Fallaci. Pace all’anima sua, ma io so di desiderarlo.

Le recenti, brutali esecuzioni dell’Isis hanno riportato alla memoria collettiva le dichiarazioni, una volta considerate estremiste e pericolose, della storica giornalista italiana a proposito della sua visione dell’Islam e della minaccia che esso rappresenterebbe per la civiltà occidentale.
In particolare, ogni spettatore consapevole dell’ascesa dell’Isis e del suo potenziale distruttivo potrebbe essere tentato dal porsi una domanda che la Fallaci sollevò in tempi non sospetti: esiste davvero, da qualche parte, un Islam moderato? E per di più: è così improbabile ipotizzare che la religione islamica sia una delle radici più significative del terrorismo e della cultura dell’odio anti-occidentale? 

Ecco, ora facciamo un passo indietro. Immaginate che Oriana Fallaci per una volta non stesse discorrendo di Islam e terrorismo, ma si trovasse a Gotham City per intervistare Batman in esclusiva. Lo so, è un’intervista impossibile, ma la Fallaci è stata una delle più grandi giornaliste dell’ultimo secolo e merita il beneficio del dubbio. Se mai Batman si fosse concesso alla stampa, Oriana sarebbe stato il primo numero della sua bat-rubrica telefonica.

Ora, dato l’innegabile spessore dell’intervistatrice, non ho dubbi che Batman si sarebbe trovato in difficoltà nel rispondere riguardo alla sua sostanziale inutilità statistica come combattente del crimine. La Fallaci avrebbe fatto notare che, anche dopo tutti questi anni di vigilanza, Gotham resta la città con il più alto tasso di criminalità in America; che Batman non è mai riuscito a tenere un suo nemico in prigione per molto tempo, e che presto o tardi sono sempre evasi tutti. Appena rinchiudi il Joker nel manicomio criminale, questi evade regolarmente e continua a massacrare gli innocenti. 

Oriana Fallaci è ideologicamente affine a Batman. Ne stima gli aspetti più drasticamente reazionari e gli atteggiamenti da “giudice, giuria ed esecutore” che lo conducono a randellare i cattivi tutte le notti. 

Ma Oriana Fallaci non può fare a meno di chiedersi: perché Batman non ha mai concluso nulla come supereroe? Perché Gotham è ancora un postaccio, infestato da mafia e cattivi pittoreschi? Perché Batman non ha fermato definitivamente il Joker, ma gli ha permesso di portare avanti ad oltranza il suo ciclo di arresti, evasioni e delitti efferati? 
Sarò irreversibilmente corrotto da anni di fumetti e cultura pop, ma credo che la risposta migliore ai nostri dubbi su come affrontare il tema del rapporto tra Islam e terrorismo, l’Isis e la sua influenza su cultura e politica dei paesi islamici e soprattutto sulla nostra percezione della faccenda si nasconda sotto la maschera del Cavaliere Oscuro. 

Perché Batman non ha mai ucciso il Joker? Avrebbe salvato così tante vite in più da fare impallidire i suoi anni di onorevole servizio. Per lo stesso motivo per cui noi non possiamo cadere nella trappola delle generalizzazioni alla Oriana Fallaci. 

Dal punto di vista di Batman, uccidere è facile, diretto e risolve il problema. Il Joker morto garantisce, utilitariamente parlando, una percentuale esponenziale di vite risparmiate. Garantisce il “minor male per il maggior numero”, e rispetta un principio etico sacrosanto che è una delle basi della storia del diritto contemporaneo. Uccidere il Joker oggi permette di sventare il suo prossimo attentato domani, e il Joker è la quintessenza del più inarrestabile terrorista di tutti i tempi. Peggio dell’Isis.

Ma se Batman permettesse a sé stesso di oltrepassare quel confine, di entrare in un orizzonte morale dove può decidere della vita e della morte dei suoi avversari, diventerebbe realmente il mostro che tenta di combattere ogni notte. Non riuscirebbe più a mantenere salda la distinzione tra l’operare in nome di un ideale e l’arrogarsi un diritto che nessuno può concederti. 
Se Batman concedesse a sé stesso un omicidio, anche il più sacrosanto e giustificato degli omicidi, non potrebbe più fermarsi. Dovrebbe andare avanti con una crociata utilitaristica: garantire il maggior bene per il maggior numero, anche a costo di oltrepassare certe linee di confine. E perderebbe di vista il vero imperativo morale: uccidere è sbagliato. 

Anche la più tollerante fra le persone, in questo periodo storico, ha difficoltà a giustificare le derive estremiste e violente di un gruppo che si dichiara unito da una “missione religiosa”. Ascoltando una cronaca di decapitazioni in nome di Dio, violenza sulle donne, violazioni di basilari diritti umani e guerre sante contro gli infedeli non si può fare a meno di pensare che, mannaggia, Oriana Fallaci aveva capito tutto molto tempo prima. Le era bastato l’11 settembre per arrivare alla conclusione che l’Islam fosse una religione intrinsecamente fanatica e che non esistessero “maggioranze moderate”. 
Dopo tutto quello che è successo e sta succedendo, concludere che gli islamici sono tutti, o per la maggior parte, estremisti e pericolosi, è fin troppo facile e quasi necessario. Ed è altrettanto facile fare il passo successivo, quello di Oriana Fallaci, ed affermare che l’immigrazione araba verso i paesi europei è solo un “veicolo di conquista”, tanto quanto un attentato o una decapitazione dimostrativa. 

Ma se permettiamo a noi stessi di accogliere questo pensiero, superiamo una linea di confine che nessuna persona provvista di cultura e valori dovrebbe mai superare. La stessa linea di confine che ci porterà a concludere che “tutti gli zingari rubano”, e che gli islamici sono, per tradizione,  integralisti religiosi votati all’odio e alla violenza. La stessa linea di confine che Batman non dovrà mai superare, neanche nei momenti in cui uccidere il Joker appare l’unica, inevitabile soluzione. 
Certo che certi zingari rubano. Anche Gramellini ha spento per un “Buongiorno” il suo tradizionale perbenismo conciliante e se n’è reso conto. Ed è altrettanto ovvio, come diceva Oriana Fallaci, che vi siano derive agghiaccianti ed estremamente pericolose all’interno del mondo islamico. 

Questo, però, non può in alcun modo portare a una generalizzazione sull’Islam e sulla cultura musulmana nel suo complesso, perché si tratta di una “violenza” (intellettuale e “mentale”, ma sempre violenza) troppo facile e seducente. Di fronte a qualcosa come l’Isis, che fornisce tutti gli strumenti per applicare una distinzione manicheista tra buoni e cattivi, la tentazione di concludere come uno dei discorsi della Fallaci è fortissima: “Il nemico c’è, lo abbiamo qui in casa nostra”. 

Piuttosto che parlare di nemici da abbattere, una persona con cultura e valori deve avere lo spirito di pensare che esista una maggioranza di islamici che non vuole tagliarci la testa né si rassegna all’esecuzione di una donna che reagisce a uno stupro; che esista una quantità di zingari che non rubano, di afroamericani che non si sparano addosso e di italiani che non sono trafficoni corrotti. 

Ci sono Batman e Oriana Fallaci seduti a un tavolino, e so che speravate che sarebbe finita a botte. La verità è che persino un giustiziere proto-fascista vestito da pipistrello può insegnarci qualcosa, mentre gli ultimi anni di una delle più grandi giornaliste del ‘900 devono servire da monito. 
Tutti vogliamo essere Batman, ma sono le conclusioni e le generalizzazioni più seducenti a trasformarci nel Joker

Davide Mela

Segui Tagli su Facebook e Twitter

Aggiungi un commento

I commenti su Tagli non sono soggetti a moderazione preventiva. La Redazione declina ogni responsabilità circa il loro contenuto, e si riserva il diritto di rimuoverli a propria assoluta e totale discrezione.
Tagli ribadisce pertanto che ogni opinione, accusa o illazione inviata nei commenti è sotto la responsabilità civile e penale dell'autore. La Redazione si riserva di fornire gli estremi dell'autore di ciascun commento ritenuto lesivo all'autorità giudiziaria.
Per maggiori informazioni, consulta la sezione Termini e condizioni di utilizzo.

Plain text

  • No HTML tags allowed.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.