Alfredo Stéfano Di Stéfano Laulhé

Alfredo Stéfano Di Stéfano Laulhé

Ci fu un tempo in cui si poteva essere argentini e diventare i più forti del mondo senza essere piccoli, senza essere mancini, senza essere cattivi o maledetti o rachitici. Si poteva essere i più grandi senza portare il numero dieci sulle spalle.

Prima di Sivori-Maradona-Messi, c’era Di Stefano.
Vita e miracoli calcistici si conoscono: figlio di immigrati ischitani, il pibe di Barracas incanta calcisticamente prima il River Plate, poi gli altri Millionarios – quelli di Bogotà, poi il Real Madrid. Avrebbe fatto lo stesso anche con Barcellona e Torino, se la corte dei blaugrana e, si dice, quella dei granata, fosse stata ricambiata.

Bello? No, Di Stefano non era bello. Puskas aveva più grazia di lui. Schiaffino più genio. Ma Di Stefano è stato, forse, più grande di entrambi. E i centoventicinquemila fazzoletti bianchi del Chamartin sventolavano per rendergli omaggio.
In bianco Di Stefano vince otto Ligas e cinque Coppe dei Campioni. E il Real Madrid degli anni ’50, il Real Madrid di Puskas, di Gento e di Kopa, resta quello di Di Stefano.

Andrea Donna 
@AndreaDonna

 

Aggiungi un commento

I commenti su Tagli non sono soggetti a moderazione preventiva. La Redazione declina ogni responsabilità circa il loro contenuto, e si riserva il diritto di rimuoverli a propria assoluta e totale discrezione.
Tagli ribadisce pertanto che ogni opinione, accusa o illazione inviata nei commenti è sotto la responsabilità civile e penale dell'autore. La Redazione si riserva di fornire gli estremi dell'autore di ciascun commento ritenuto lesivo all'autorità giudiziaria.
Per maggiori informazioni, consulta la sezione Termini e condizioni di utilizzo.

Plain text

  • No HTML tags allowed.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.