62 persone possiedono la ricchezza di metà della popolazione mondiale

62 persone possiedono la ricchezza di metà della popolazione mondiale

Secondo il nuovo report di Oxfam (consultabile qui), "Nel 2015 appena 62 persone possedevano la stessa ricchezza di 3,6 miliardi
di persone, ossia la metà più povera della popolazione mondiale".
Sessantadue persone possiedono la ricchezza di metà della popolazione mondiale: meglio ripeterlo.

Pensare che indignarsi per un dato del genere sia esclusivamente di sinistra è forse l'errore più grosso che si possa commettere.
Dietro questa sperequazione immensa si nasconde infatti la quasi totalità dei problemi di oggi: povertà, analfabetizzazione, immigrazione, malnutrizione, mortalità infantile, scontro tra culture, guerra tra poveri, e così via.
Tutte concause che si alimentano e fomentano a vicenda.

Anche indignarsi perché più di 7.600 miliardi di dollari sono occultati nei paradisi fiscali non dovrebbe riguardare solo la sinistra. Si tratta di denaro sottratto - non certo da chi fatica ad arrivare a fine mese- al welfare pubblico, all'istruzione, alla sanità e a tutti quei servizi di cui chiunque nasca su questa Terra avrebbe il diritto di godere.

Dal 2010 a oggi, le 62 persone più ricche hanno incrementato il loro patrimonio di 500 miliardi di dollari. La crisi ha insomma divaricato ancora di più le disuguaglianze fra ricchi e poveri. E non è una fastidiosa frase urlata al megafono da uno che indossa la kefiah o la maglia di Che Guevara. Sono dati oggettivi, disarmanti e allarmanti.

Forse è meglio prenderne coscienza quanto prima, in modo trasversale, lasciando perdere ideologie politiche e strumentalizzazioni, perché le conseguenze di questi crudi numeri sono sulla pelle di tutti noi: sia di chi a causa della crisi è sul lastrico, sia di chi continua a girare in SUV ma si lamenta del nuovo vicino di casa perché si chiama Mohammed.

Luca Murta

Segui Tagli su Facebook e su Twitter 

Aggiungi un commento

I commenti su Tagli non sono soggetti a moderazione preventiva. La Redazione declina ogni responsabilità circa il loro contenuto, e si riserva il diritto di rimuoverli a propria assoluta e totale discrezione.
Tagli ribadisce pertanto che ogni opinione, accusa o illazione inviata nei commenti è sotto la responsabilità civile e penale dell'autore. La Redazione si riserva di fornire gli estremi dell'autore di ciascun commento ritenuto lesivo all'autorità giudiziaria.
Per maggiori informazioni, consulta la sezione Termini e condizioni di utilizzo.

Plain text

  • No HTML tags allowed.
  • Web page addresses and e-mail addresses turn into links automatically.
  • Lines and paragraphs break automatically.
CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.